HomeGuidaGrafici nel trading: cosa sono e come si usano

Grafici nel trading: cosa sono e come si usano

Cosa sono i grafici nel trading? Come si utilizzano i grafici nel trading?

I grafici sono molto importanti per elaborare la tua analisi tecnica, poiché ti consentono di poter fare proiezioni sull’andamento futuro di un asset, partendo appunto dai suoi movimenti passati. Ovviamente a parità di condizioni.

Occorre comunque saperli utilizzare al meglio. E lo scopo di questa guida completa sui grafici nel trading è proprio quella di aiutarti a comprenderne il funzionamento.

Ti diremo anche dove trovare i migliori grafici.

Una delle scelte migliori per fare trading online è quella di utilizzare la piattaforma di eToro. Si tratta di un broker regolamentato che offre vari servizi ai suoi iscritti come il copy trading che permette di copiare dai migliori traders in modo da partire subito.Per saperne di più sul broker eToro cliccate qui per visitare il sito ufficiale

Grafici trading: cosa sono

Cosa sono i grafici nel trading? Si tratta di una rappresentazione della variazione del valore di un asset che ci interessa particolarmente in un determinato lasso di tempo. Il quale può variare da pochi minuti fino ad anni, passando per giorni e mesi.

Dunque, un grafico si compone di due parti:

  • il valore di un asset
  • il lasso di tempo preso in esame

Un grafico composto da 2 assi:

  • uno orizzontale: detto asse delle ascisse, indicato con x
  • uno verticale: asse delle ordinate, y

Attribuendo al primo il valore del tempo e al secondo il valore del prezzo di un titolo, saprò quanto può valere il secondo al variare del primo.

Nel trading, però, entrambi i valori cambiano costantemente, anche in un lasso di tempo strettissimo. Anche millesimi di secondi.

Broker per fare analisi dei grafici

Prima di proseguire con la guida vi segnaliamo le migliori piattaforme di trading che offrono ottimi grafici:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Copy trading
66% dei trader perde soldi
Commissioni basseISCRIVITI
Servizio CFDConto demo gratisISCRIVITI
Segnali gratisCFD su vari assetISCRIVITI
Conto demo illimitatoIntelligenza artificiale ISCRIVITI
CFD e commissioni convenientiPiattaforma regolataISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Analisi tecnica: come funziona

Cos’è l’analisi tecnica? E’ una analisi di tipo quantitativo con lo scopo di definire il prezzo futuro di un asset quotato in borsa basandosi sugli aspetti principalmente grafici e statistici dell’andamento delle quotazioni nel tempo.

Come anticipato, si basa sull’assunto che, a parità di condizioni, il prezzo di un asset compirà gli stessi movimenti. Per la ripetitività del comportamento degli investitori nel tempo.

Per poter elaborare una analisi tecnica, i trader dovranno svolgere questi passaggi fondamentali:

  • cercare pattern caratteristici, come per esempio i “testa e spalla”, i “doppi minimi”, ecc.
  • studiare gli indicatori e gli oscillatori tecnici, tra i tantissimi esistenti. Tra cui i più utilizzati sono le medie mobili, l’Indice di Forza Relativa (RSI), il MACD, le Bande di Bollinger. Cercando di usarle anche insieme per cogliere più aspetti dell’andamento dei prezzi.
  • cercare elementi di riferimento, come linee di supporto e di resistenza, canali di prezzo, punti pivot, ecc.

L’analisi tecnica si distingue dalla fondamentale, che invece analizza i fattori esterni al mercato.

Grafici nell’analisi tecnica

Esistono diversi tipi di grafici nell’analisi tecnica, che vedremo più avanti. Ciascuno con proprie caratteristiche e chiavi di lettura.

Tra i più popolari, troviamo il candlestick, il grafico delle candele giapponesi. Ideato nell’antichità dai nipponici per valutare i cambiamenti dei prezzi nel mercato del pesce.

Come leggere i grafici di trading

In linea di massima, sono due i punti che bisogna valutare attentamente sui grafici:

  1. la resistenza
  2. il supporto

Il primo è rappresentato da quel livello di prezzo che un trend non riesce a valicare al rialzo.

Il secondo, all’opposto, è il livello di prezzo che il trend non riesce a sfondare al ribasso.

Quando questi livelli vengono violati, si parla di breakout. Ed esiste una strategia di trading che si basa proprio su questo, nella convinzione che generalmente, un livello di supporto o resistenza inviolabile da tempo, una volta infranto dia vita ad un trend persistente.

Può anche verificarsi un andamento laterale, quando il prezzo di un asset mantiene un andamento costante senza particolari movimenti di rialzo o ribasso.

Tipi di grafici nel trading

Vediamo quali sono i principali tipi di grafici nel trading.

Lineare

Si tratta del tipo di grafico più semplice e intuitivo, anche se consente di osservare un solo dato per intervallo temporale, in genere il prezzo di chiusura. Le altre tre grandezze vengono invece perdute.

Grafico lineare

Un grafico di tale tipo che passa per le chiusure, ignorerà i veri massimi e minimi toccati dallo strumento finanziario nel periodo considerato.

Dunque, si mostrerà impreciso nell’indicare la reale posizione di questi elementi.

Grafico a Candele giapponesi

Come il grafico a barre che vedremo successivamente, anche il grafico a candele visualizza informazioni come massimo, minimo, apertura e chiusura di prezzo. Sebbene con la differenza che la “candela” è costituita da un vero e proprio “corpo” che delimita l’intervallo tra apertura e chiusura.

Grafico Candele giapponesi o Candlestick

Il corpo viene disegnato in nero o lasciato bianco, in base al fatto che l’apertura nel lasso di tempo preso in considerazione, sia stata superiore (nero) o inferiore (bianco) alla chiusura.

Il massimo e il minimo sono visualizzati con segmenti, chiamati “shadow” (ombre), che vanno a posizionarsi rispettivamente sopra e sotto il corpo della candela.

Questa tipologia di grafica permette di vedere subito periodi temporali caratterizzati da densità di sedute positive o negative. O particolarmente anomale.

Il grafico candlestick particolare è quello Heikin-Ashi (HA) che si distingue dal tradizionale:

  1. Apertura HA: valore medio tra Apertura HA e Chiusura HA della candela precedente
  2. Massimo HA: valore massimo raggiunto tra Massimo della candela in corso, Apertura della candela HA e Chiusura della candela HA
  3. Minimo HA: valore minore toccato tra Minimo della candela in corso, Apertura HA e Chiusura HA
  4. Chiusura HA: (Apertura+Massimo+Minimo+Chiusura)/4

Fornisce una serie di candele di colore verde o rosso in base al fatto che il trend sia al rialzo o al ribasso.

Grafico a Barre

Questo tipo di grafico evidenzia apertura, chiusura, massimo e minimo.

Grafico a Barre

Le prime 2 sono indicate con due trattini orizzontali posti rispettivamente a sinistra e a destra della barra verticale.

Grafici nel Forex

I grafici nel Forex ti aiuteranno a capire quali movimenti stanno effettuando nel tempo le coppie valutarie. Così da capire quali potrebbero essere quelli futuri e aprire una posizione long o short di conseguenza.

Le coppie di valute Forex più tradate sono

  • EUR/USD, per il 27% circa
  • EUR/GBP, per il 16% circa
  • GBP/USD, con il 14%

In base alla loro importanza, le valute Forex si dividono in:

  • Major: le coppie valutarie che prevedono sempre la presenza del dollaro americano con una di queste valute: euro, sterlina britannica, yen giapponese, franco svizzero, dollaro canadese e dollaro australiano
  • Minor: le coppie valutarie testé elencate senza il dollaro americano
  • Esotic: le coppie valutarie con o senza il dollaro, ma dove è sempre presente la valuta di un paese in via di sviluppo

Dai grafici Forex, ti renderai conto che quella più volatile è proprio la teza tipologia di coppia. Poiché sono presenti economie più instabili.

Broker con i migliori grafici

eToro

Il broker eToro offre ottimi grafici per l’analisi tecnica. Li trovi comodamente nella tua dashboard, alla sezione grafici.

Una volta scelto il tuo asset di interesse, entrando in Grafici al centro della schermata potrai vedere con chiarezza l’andamento dell’asset nel tempo.

Puoi creare il tuo account demo su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Plus500

Il broker Plus500 in passato veniva criticato per i suoi grafici scarni. Da qualche anno, però, grazie ad un profondo restyling della piattaforma, ha implementato i grafici offerti notevolmente.

Puoi abbinare ai grafici anche un alert mail che ti avvisa quando un prezzo sta per intraprendere un trend interessante.

Puoi creare il tuo account demo su Plus500 cliccando qui.
72% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Capital.com

Capital.com offre grafici molto accurati, che prevedono oltre 70 tra indicatori e oscillatori di trading.

Puoi aiutarti grazie all’intelligenza artificiale integrata nella piattaforma e puoi fare pratica con la app Investmate.

Puoi creare il tuo account demo su Capital.com cliccando qui.
71.2% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Grafici di trading: come si usano?

Per capire come si usano i grafici, devi ricordarti due concetti in particolare:

  • Time frame
  • Indicatori di trading

Vediamoli meglio da vicino.

Time frame

Il termine potrebbe spaventarti, ma, in fin dei conti, si tratta semplicemente del lasso temporale che vuoi prendere in esame.

Puoi personalizzarlo al massimo, andando da poche ore fino a molti anni. Un time frame è in fondo come una matrioska, ovvero, un time frame più ampio finisce per contenere time frame più piccoli e brevi.

Indicatori di trading

Indicatori di trading

Gli indicatori di trading sono delle formule che ci dicono nel dettaglio quale movimento di prezzo ha effettuato il prezzo di un asset.

Nel corso del ‘900 ne sono stati ideati molti, circa un centinaio. Ma, fortunatamente, non dovrai imparare le formule a memoria o metterti a fare calcoli come a scuola.

I broker prima elencati danno la possibilità di dare il risultato finale in automatico, inserendo solo i valori.

E’ raccomandabile comunque usare gli indicatori di trading di concerto, così da avere una visione di insieme più ampia.

Grafici trading: le domande frequenti

Cosa sono i grafici nel trading?

Si tratta di rappresentazioni grafiche dell’andamento del prezzo di un asset in un determinato periodo di tempo.

Sono molto utili per poter elaborare l’analisi tecnica.

Quali sono i grafici trading più importanti?

I più diffusi sono il grafico a candela, il grafico a barre e il grafico lineare.

Dove trovare i migliori grafici?

Su broker come eToro, Plus500 e Capital.com.

Grafici trading

Conclusioni

Nel trading online, l’analisi tecnica è molto importante per poter comprendere quali possibili movimenti di prezzo effettuerà un asset e, quindi, prendere la corretta posizione.

Per poter giungere a ciò, molto utili risultano i grafici, che occorre dunque saper usare bene.

Tra i grafici più importanti troviamo il grafico a barre, il grafico a candele, il grafico lineare.

Puoi trovare ottimi grafici su broker come eToro, che ti permettono anche di copiare le operazioni dei migliori trader iscritti alla piattaforma.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Consigliati

DA LEGGERE

Comprare azioni: guida completa per iniziare a investire [2021]

0
Come comprare azioni? Hai in mente di comprare azioni, o come si dice in gergo, per noi errato, giocare in borsa, ma non sai...