Home Guida Migliori piattaforme di trading online

Migliori piattaforme di trading online [2020]

Quali sono le migliori piattaforme di trading online? Come distinguere le piattaforme di trading online truffa? Quali caratteristiche devono avere le migliori piattaforme di trading online?

In questo articolo risponderemo a queste domande più che lecite quando si inizia a fare trading online.

Purtroppo, infatti, incappare in truffe è molto facile, dato che in tanti, per sovvertire le proprie condizioni finanziarie o per tentare di fare una vita lussuosa, finiscono per credere alle lusinghe di chi asserisce di farli arricchire presto.

Avere gli anticorpi contro le truffe è molto importante quindi, onde evitare di peggiorare la propria situazione economica. In questo articolo, quindi, vediamo tutti gli aspetti enunciati nell’incipit.

Una delle scelte migliori per fare trading online è quella di utilizzare la piattaforma di eToro. Si tratta di un broker regolamentato che offre vari servizi ai suoi iscritti come il copy trading che permette di copiare dai migliori traders in modo da partire subito. Per saperne di più sul broker eToro cliccate qui per visitare il sito ufficiale.


La piattaforma di trading online: quali caratteristiche?

Quali sono le caratteristiche principali che devono avere le migliori piattaforme di trading online? Sono diverse e le enunciamo di seguito.

Elenco migliori piattaforme di trading

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social tradingCopy trading
66% dei trader perde soldi
Commissioni basseISCRIVITI
plus500Servizio CFDConto demo gratisISCRIVITI
vSegnali gratisCFD su vari assetISCRIVITI
tradeCFD e commissioni convenientiSegnali affidabiliISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Licenza per operare

Il primo aspetto, fondamentale, per stabilire che un Broker non sia una truffa, è che abbia una regolare licenza per operare. Ciò significa che l’utente è messo al riparo da potenziali truffe, dato che il Broker deve ottemperare a vari aspetti riguardo la privacy e la tutela dei fondi.

In Europa, la licenza considerata più importante è quella rilasciata dalla CySEC, acronimo di Cyprus, acronimo di Cyprus Securities and Exchange Commission. Sebbene fosse nato nel 2000, solo dopo l’ingresso di Cipro nell’Ue ha assunto una certa importanza. In quanto prima questo paese dell’Europa mediterranea era praticamente un Paradiso fiscale.

Invece, entrando nell’Ue dal primo maggio 2004 dopo essere uscito dal Commonwealth britannico nel 1961, Cipro ha assunto verso le società ivi operanti un atteggiamento diverso. Pretendendo da loro un altro comportamento. Ne consegue che la CySEC sia diventato un organismo di vigilanza sui mercati finanziari che pretenda certi comportamenti dai Broker ivi residenti, esistenti già quando Cipro era un Paradiso fiscale.

C’è comunque da dire che molti altri Broker hanno scelto successivamente di stabilirsi a Cipro, in quanto la CySEC, per quanto severa, non impone certi obblighi restrittivi considerati assurdi come quelli della FCA britannica o quelli della BaFin tedesca.

Riguardo la prima, la FCA – acronimo di Financial Conduct Authority – pure è considerato molto importante in Europa in quanto vigila sulle società quotate sulla prestigiosa London Stock Exchange, la Borsa di Londra.

La FCA è subentrata alla precedente FSA dal primo aprile 2013 – Financial Services Authority – organismo che si occupava anche della pubblicazione e dell’aggiornamento della UKLA Official List.

In Italia abbiamo invece la Consob – acronimo di Commissione nazionale per le società e la Borsa – istituito il 7 giugno 1974 come organismo di vigilanza sui mercati finanziari, per sottrarre questo compito alla politica. E dare così ad esso un ruolo apolitico ed imparziale, dato che veniva espletato dal Ministero dell’economia e delle Finanze.

La Consob lavora di concerto con la Banca d’Italia, emettendo delibere sui Broker che eventualmente non possono più operare in Italia per comportamenti scorretti. Così come ne emette altre per darne il nulla osta.

A livello mondiale, le licenze più importanti sono quelle rilasciate dall’americana SEC, dalla Giapponese FSA, dall’australiana ASIC, dalla cinese China Securities Regulatory Commission, e così via.

Piattaforme di trading demo

Il Conto demo è uno strumento molto utile per imparare il trading “sul campo” ed in modo pratico. Al fine di capire se davvero fa per noi. Oltre che essere utile per testare un Broker e capire se ci piace prima di iscriverci.

Le piattaforme di trading demo mettono a disposizione denaro virtuale ma anche un ambiente di lavoro uguale a quello che avremmo con un Conto live (ossia con denaro reale). Così da abituare subito il Broker a fare sul serio.

Il Conto demo però non deve essere preso alla leggera, né come un gioco. Infatti, bisogna fare finta che i soldi siano reali e prendere decisioni con impegno. Ritenere le perdite incassate come vere, così da imparare dagli errori. Certo, di tanto in tanto qualche scelta azzardata ci sta. Perché anche quella fa parte del trading online.

Il rischio, infatti, è che quando poi passeremo a fare sul serio, incasseremo delle ingenti perdite che però saranno vere.

I Broker offrono varie tipologie di piattaforme di trading online demo, in base al fatto che il denaro sia illimitato ma il tempo dal primo utilizzo limitato. O viceversa. O ancora, se entrambi vengono offerti in modo illimitato. O entrambi in modo limitato.

Ancora, i Broker possono scegliere se richiedere prima l’iscrizione al sito per poterlo usare o no.

Materiale formativo

Le migliori piattaforme di trading mettono a disposizione dei trader iscritti anche del materiale formativo in maniera gratuita. Quindi, ebook da scaricare, Webinar da seguire online da remoto (seminari web), corsi di formazione on demand caricati sul sito, incontri annuali dal vivo con esperti e così via.

Segnaliamo ad esempio l’ottimo corso di FXTB con tanto materiale gratuito che trovi qui.

Perché un Broker farebbe tutto ciò gratuitamente? Semplicemente perché ha tutto l’interesse che non impariamo e diventiamo dei trader vincenti. Infatti, una piattaforma di trading online guadagna se noi guadagniamo. Mediante spread sui trades e commissioni sui servizi che offre.

Pertanto, un trader che si ritira è una fonte di guadagno che viene meno.

Spread e commissioni

Una piattaforma di trading ci guadagna tramite Spread e commissioni abbiamo detto.

Lo spread sul trading è quella percentuale che il Broker preleva da ogni nostra vincita. Da non confondere quindi con lo Spread che nel 2011 ci tenne tutti col fiato sospeso.

Le commissioni sono invece quei costi fissi o variabili sui servizi che il Broker ci mette a disposizione.

Un Broker conveniente, generalmente, viene definito spread-only. In quanto è un Broker che impone solo lo spread sul trading e non anche le commissioni. Ad esempio Plus500 è un broker spread only e quindi risulta essere uno dei più convenienti. Per maggiori informazioni cliccate qui per il sito ufficiale.

Questi due aspetti sono preminenti nella scelta dei broker, in quanto col tempo rappresentano un costo che andrà a sottrarsi ai nostri guadagni. E quindi, spread e commissioni elevate andranno ad inficiare i nostri profitti.

Leva finanziaria

La Leva finanziaria è uno strumento che ci consente di moltiplicare i nostri profitti ben oltre quanto abbiamo sul nostro conto.

Tuttavia, la Leva finanziaria viene anche definita una “arma a doppio taglio”, in quanto, come moltiplica le vincite, moltiplica anche le perdite. Quindi, va usata con parsimonia.

Non a caso, il MiFID II – acronimo di Markets in financial instruments directive – entrata in vigore il 3 gennaio 2018 in sostituzione della precedente versione ormai remota, essendo stata varata il 21 aprile 2004, ha limitato di molto l’uso della Leva finanziaria. E non solo, tanto da essere stata definita un terremoto (per esempio, ha vietato le opzioni binarie, strumento di trading considerato molto pericoloso per la sua estrema facilità e persuasione).

La Leva finanziaria, col MiFID II, è stata limitata per esempio all’1:30 per i trader retails. Ossia quei trader che investono importi limitati.

Segnali di trading

I segnali di trading sono uno strumento mediante il quale si inviano suggerimenti ai trader che sottoscrivono un abbonamento, elaborati da esperti del settore. In genere, sotto forma di sms, e-mail o chiamata diretta.

I segnali di trading, quindi, suggeriscono quando e quanto investire in modo tempestivo, in base a statistiche e proiezioni.

Solitamente, i Broker offrono un mese di prova gratuito. Va però ricordato che si tratta di suggerimenti e che, per quanto gli esperti possano essere tali, nessuno ha la palla di vetro e verità infallibili in tasca. Un ottimo servizio gratuito di segnali è quello offerto da FXTB (che trovate cliccando qui).

Grafici

Un Broker deve offrire anche dei grafici dove poter vedere in modo chiaro l’andamento di un asset su cui ha deciso di puntare.

E’ possibile scegliere su più tipi di timeline. Quindi ore, giorni, settimane, mesi e anni.

Il grafico più popolare è il Candlestick, il cosiddetto “grafico a candela”. Chiamato così in quanto formato da istogrammi a forma di candela, con i vari segmenti che indicano valori diversi.

Asset su cui investire

Una buona piattaforma di trading online è quella che offre più asset su cui investire. Gli asset possono essere i seguenti:

  1. Valute Forex: il confronto tra valute di stati diversi
  2. Azioni: le quote delle società quotate in borsa
  3. Indici azionari: panieri contenenti azioni di diverse aziende appartenenti alla stessa categoria merceologica
  4. Materie prime: divise in dure o morbide, a seconda se vanno prodotte tramite coltivazione o tramite trivellazione del suolo
  5. Metalli preziosi: vi rientrano oro, argento, bronzo, palladio, ecc.
  6. Criptovalute: asset digitali lanciati nel 2009 con il Bitcoin

Ogni asset porta con sé fattori che ne decretano il rialzo del valore, come il ribasso. Vanno studiati bene prima di investire, in quanto possono incidere: fattori geopolitici, climatici, finanziari, correlazioni dirette e indirette tra asset, scoperte tecnologiche, nuove norme, attacchi hacker e così via.

Assistenza clienti

Il Broker deve garantire una assistenza clienti nella lingua madre del trader, attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Raggiungibile con più metodi:

  • email
  • Live chat integrata al sito
  • numero telefonico
  • ticket da compilare tramite Form

L’assistenza clienti deve rispondere subito alle richieste del trader e in modo chiaro. In quanto sono in gioco i suoi soldi ed investimenti.

App per trading su device mobili

Altro aspetto è quello delle applicazioni, che devono permettere al trader di fare trading ovunque ci si trovi. Quindi per smartphone e tablet, così da controllare l’andamento degli asset su cui si è investito, lo stato del proprio conto, controllare le news, il calendario economico e tanto altro.

Gli esperti consigliano di usare le app su smartphone e tablet solo per controllare l’andamento degli asset ed eventualmente intervenire. Altrimenti, con un ambiente meno professionale come può essere quello di un Pc, si rischia di prendere decisioni rischiose.

Take profit e stop loss

Questi strumenti sono molto importanti per poter gestire il trading senza essere costretti a stare davanti al Pc tutto il tempo.

Infatti, il Take profit consente di fermare il trading appena raggiunto un certo livello di prezzo per incassare il profitto. Mentre lo stop loss permette di fermare il trading quando il valore dell’asset è sceso entro un certo livello.

CFD

Acronimo di Contract for difference, consentono di guadagnare al rialzo o al ribasso in base alla differenza di prezzo tra quando abbiamo sottoscritto il contratto e quando è giunto a scadenza.

I CFD sono detti contratti derivati in quanto riflettono il prezzo di un sottostante, permettono di azionare la Leva finanziaria e consentono di investire su una pluralità di asset. La migliore piattaforma CFD oggi è sicuramente quella di eToro (che trovate qui) per vari motivi che vedremo dopo.

Migliori piattaforme di trading online: come riconoscere le truffe

Abbiamo detto nell’incipit che occorre stare attenti alle truffe, da parte di chi vuole approfittare della nostra voglia di guadagnare.

Allora, come riconoscere se un Broker vuole truffarci? Ci sono certi aspetti comuni un po’ a tutte le piattaforme che tentano di truffarci:

  1. Mancanza di una licenza per operare, che ci mette appunto a riparo da queste frodi. Avere la residenza in un paese europeo non basta. Alcuni sbandierano tanto di indirizzo in un Paese Ue, per fingere che tutto sia legittimo. Non cascateci, non basta
  2. Sede della società in un Paradiso fiscale: i truffatori portano le società in uno Stato che offre loro protezione fiscale e della privacy. Ciò renderà difficile rientrare dei propri capitali anche esponendo regolare denuncia alla Polizia postale. Cosa che va comunque sempre fatta
  3. Il nome del proprietario cambia in base al paese dove la società opera
  4. La piattaforma viene presentata come prodigiosa senza però che ci spieghi tecnicamente come poi funzioni
  5. Si dice che il sito sia destinato a pochi eletti e che devi affrettarti per farne parte
  6. Ricevi molte telefonate che vogliono convincerti della bontà del sistema e che devi caricare altri importi sul conto
  7. Vengono presentate finte interviste di personaggi famosi che dicono di essersi arricchiti col sistema. Si tratta di fotomontaggi che li ritraggono intervistati da grandi Network

Cosa fare se si è cascati in una truffa? L’unica arma a disposizione che abbiamo è il cosiddetto chargeback, ossia lo storno dei soldi che gli abbiamo inviato.

Va richiesto alla Banca presso cui abbiamo il conto e la carta usata (o mediante la quale abbiamo inoltrato il o i bonifici) e la piattaforma usata per inviare denaro (PayPal, Skrill, ecc.)

In genere, la banca ci chiederà di compilare un modulo con tutti i dettagli delle transazioni, la motivazione della nostra richiesta, ecc. Oltre ad inoltrare delle prove delle stesse. Oltre alla copia di una eventuale denuncia esposta. Ci sono banche che fanno tutto virtualmente, altre che richiedono l’inoltro di Fax o la spedizione di raccomandate.

Solitamente, l’istruttoria dura almeno 60 giorni e non è detto che la spunteremo. Ma vale la pena provarci.

Migliori piattaforme di trading online: eToro

Viste le caratteristiche delle migliori piattaforme di trading online e come riconoscere le truffe, vediamo quali sono i migliori Broker in circolazione. Partiamo da eToro (clicca qui per il sito ufficiale).

Broker nato nel 2007 da un gruppo di investitori ciprioti-israeliani, che hanno fondato la eToro Europe Limited.

eToro ha tutte le carte in regola: è spread-only, impone commissioni convenienti, ha regolare licenza CySEC per operare. Inoltre, offre alcuni servizi molto interessanti:

Social trading

In epoca di Social network, eToro ha ben pensato di creare un Social network per i propri trader, dove possonono pubblicare dei post, seguire e farsi seguire, scambiarsi opinioni, pareri e suggerimenti.

eToro ha comunque un proprio profilo sui principali Social network. Come Facebook, Instagram e Twitter.

CopyTrader

eToro offre la possibilità di copiare i trader migliori, chiamati Popular Trader, i quali ci guadagnano tramite una commissione per trader che li segue.

Il vantaggio è che un trader neofita possa già iniziare a guadagnare, ma ha anche la possibilità di personalizzare il trading fermandolo quando vuole. Fissando take profit e stop loss prima visti, che in questo caso hanno il suffisso “Copy”.

CopyPortfolios

E’ possibile copiare anche interi panieri di asset, suddivisi per categoria merceologica. Ogni paniere viene gestito da sofisticati algoritmi, che decretano chi entra e chi esce in base al loro rendimento. Il tutto, comunque, supervisionato da tecnici “in carne ed ossa”.

Per aprire un conto demo gratuito su eToro cliccate qui.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

FXTB

Il secondo Broker che vi proponiamo è FXTB (clicca qui per saperne di più), uscito 11 anni dopo eToro ma che ha saputo ben presto recuperare terreno rispetto agli altri players del settore.

FXTB offre 4 tipi di account, ciascuno richiedente un maggiore importo per iscriversi e con condizioni che si implementano man mano. Essi sono:

  • Base
  • Gold
  • Platinum
  • Vip

Molto apprezzati sono il Conto demo, il fatto che offra la popolare piattaforma Metatrader 4 (nota anche con l’acronimo MT4), che abbia sulla piattaforma dei Video On Demand che istruiscono sul trading e una assistenza clienti efficiente.

FXTB offre poi i segnali di trading elaborati da un colosso del settore come Trading Central. Che vanta tre sedi dislocate a New York, Hong Kong e Parigi. Il quale sulla propria piattaforma offre anche tanti altri servizi molto apprezzati, quali la formazione, i grafici, ecc.

Trading Central, per l’accuratezza dei suoi segnali, è stato insignito per molti anni consecutivi dei prestigiosi Analytics Trading Awards.

Anche FXTB ha licenza CySEC, è un Broker spread-only e con commissioni vantaggiose.

Per aprire un conto demo gratuito su FXTB cliccate qui.

Plus500

Plus500 (clicca qui per saperne di più) è un altro Broker molto rinomato, nato nel 2008 e gestito dalla società Plus500CY ltd. La quale è anche quotata sulla Borsa di Londra, aspetto che gli fa godere, oltre che della licenza CySEC, anche di quella FCA.

Plus500 è sponsor dell’Atletico Madrid, squadra spagnola che da anni si posiziona tra i primi posti della Liga iberica, oltre che vincente in Europa. Il connubio commerciale tra le due parti va avanti dal 2015.

Plus500 è user-friendly e si fa molto apprezzare per la sua piattaforma di trading Plus500 Webtrader, oggetto di un profondo restyling recente.

Ben fatta anche le app per iOS e Android, una versione desktop, offre oltre 32 lingue ed una assistenza clienti sia via email che Live chat integrata al sito.

Prevede un solo account e permette di provare un discreto Conto demo prima di iniziare.

Per aprire un conto demo gratuito su Plus500 clicca qui.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Trade.com

Ed eccoci all’ultimo broker della nostra lista. Trade.com. (clicca qui per visitare il sito ufficiale) Anche esso insignito della licenza CySEC ed user-friendly.

Trade.com è nato come Arbat Capital Limited nel 2006, per poi diventare Safecap Investments Ltd nel 2009. E’ una filiale di LeadCapital Markets.

Trade.com prevede 3 tipi di account, ognuno con un proprio minimo di accesso:

  • Micro: prevede solo 100 dollari iniziali, servizio clienti H24
  • Silver: 1.000 dollari iniziali, spread tra il 10% e il 30%, analisi giornaliera, account manager dedicato
  • Gold: 10mila dollari di apertura conto, Trading Central e analisi giornaliere premium
  • Platinum: occorre investire minimo 50.000 dollari, spread ridotti del 30% rispetto all’account Gold e assistenza clienti premium
  • Exclusive: 100.000 dollari richiesti per aprire conto, . Stessi servizi Platinum, ma spread ridotti del 20% rispetto a quest’ultimo

Trade.com vanta anche di altre due licenze: FCA (Regno Unito) e FSCA (Sudafrica).

Come FXTB, anche Trade.com offre i prestigiosi segnali di trading della società leader del settore Trading Central.

Per aprire un conto demo gratuito su Trade.com cliccate qui.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo analizzato quelle che sono le caratteristiche delle migliori piattaforme di trading online presenti nel mercato. Abbiamo anche descritto approfonditamente quelle che offrono le migliori condizioni e che offrono la certezza di operare con marchi sicuri e affidabili.

Molti principianti non sanno come muoversi e per questo abbiamo selezionato solo piattaforme adatte, le più sicure in assoluto che vengono utilizzate da chi ha esperienza nel trading ma anche da chi vuole cominciare da zero muovendo i primi passi senza paura di sbagliare.

Scegliere con cura la piattaforma di trading può fare la differenza, per questo è bene dedicare del tempo e molta cura nella selezione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Consigliati

DA LEGGERE

Libri sul trading

0
Quali sono i migliori libri di trading? Dove trovare i migliori libri sul trading? Molti sono incuriositi dal trading online e vogliono saperne di più....