Home Guida Segnali di trading: come trovare i servizi affidabili (gratis)

Segnali di trading: come trovare i servizi affidabili (gratis)

Cosa sono i segnali di trading? Come funzionano i segnali di trading? I segnali di trading sono attendibili? Quali Broker offrono i segnali di trading?

In questo articolo forniamo una guida completa sui segnali di trading. Facendo però una premessa. In questo articolo, parleremo dei segnali di trading intesi come suggerimenti che esperti inviano ai trader iscritti ad un Broker che ne fanno richiesta.

Occorre infatti distinguerli dai segnali di trading automatici millantati da molte piattaforme che in realtà poi si rivelano autentiche truffe.

Approfondiremo entrambe queste questioni, ma forniremo anche suggerimenti su dove trovare i migliori segnali di trading, nonché alternative ad essi.

Una delle scelte migliori per fare trading online è quella di utilizzare la piattaforma di eToro. Si tratta di un broker regolamentato che offre vari servizi ai suoi iscritti come il copy trading che permette di copiare dai migliori traders in modo da partire subito. Per saperne di più sul broker eToro cliccate qui per visitare il sito ufficiale.

Segnali di trading cosa sono

Segnali tradingCosa sono i segnali di trading? Essi vanno intesi come veri e propri suggerimenti su quando e come prendere posizione sui mercati finanziari. Quindi, su quanto investire, su quando farlo, su quali asset e su quali Borse.

Quindi, fornisce tutti gli elementi necessari affinché il nostro investimento sia il più profittevole possibile.

I segnali di trading sono elaborati da esperti del settore. Dei tecnici che studiano il mercato in tutti i suoi aspetti. Quindi, effettuano una analisi di tipo tecnica, ma anche di tipo fondamentale. Oltre a studiare altri aspetti del mercato finanziario in quel momento.

Dietro un segnale di trading c’è quindi tutto un lavoro di analisi oculata.

Attenzione però, parliamo appunto di suggerimenti. Quindi non bisogna credere che quando ci arrivi un segnale di trading, esso sia una previsione giusta e sicuramente azzeccata.

Pertanto, in quanto tali, sono fallibili. Per quanto accurati. E chi invece vi propina di avere segnali di trading accurati al 100 percento vi vuole solo fregare (più in avanti vedremo come riconoscere le truffe).

Per esempio, un suggerimento per verificare se il servizio di segnali di trading al quale vi siete iscritti è davvero attendibile, potrebbe essere quello di provarli prima con un Conto demo. Così che, in caso di errori, almeno avrete provato il servizio senza rischiare i vostri capitali.

Segnali di trading affidabili gratis

Tra i vari servizi ci sono alcuni in particolare che sono gratuiti e hanno una percentuale di affidabilità molto alta.

Stiamo parlando di uno dei migliori servizi di segnali di trading gratuiti che è offerto dal broker FXTB (che trovate qui).

Stiamo parlando di professionisti del settore che hanno creato un servizio che è migliorato nel corso degli anni ed ha raggiunto davvero delle ottime percentuali in termini di performances. Molto spesso questi servizi sono costosi e vengono fatti pagare a caro prezzo. FXTB invece offre i segnali gratis a tutti gli iscritti alla piattaforma, un vantaggio sopratutto per chi vuole iniziare.

Potete richiedere gratis i segnali di FXTB cliccando qui.

Segnali di trading come funzionano

Come funzionano i segnali di trading? Alcuni Broker prevedono questo servizio gratuitamente, basta solo iscriversi alla piattaforma. Si pensi ad FXTB o a Trade.com che vedremo più in avanti.

Una volta sottoscritto il servi<io, riceverete via mail o sms (alcuni Broker prevedono anche una chiamata diretta con telefono) i suggerimenti in tempo reale su una ottima possibilità inerente ad un asset in particolare.

Gli asset su cui è possibile investire sono azioni, indici azionari, criptovalute, materie prime, valute Forex, ETF, obbligazioni.

Ogni asset prevede un proprio studio diverso, in base alla propria natura. In quanto sono diversi i fattori che possono incidere e vanno tutti messi in considerazione, soppesati, correlati e incrociati.

Si pensi ad una società quotata in Borsa come Apple. I fattori potrebbero essere le vendite degli ultimi dispositivi lanciati sul mercato, l’andamento degli ultimi anni, gli utili e il bilancio economico, i nuovi prodotti della concorrenza, la situazione dell’economia in generale.

O ad una società che produce petrolio. Occorrerà valutare il mercato automobilistico, la situazione del settore industriale, il quantitativo di petrolio a disposizione in generale, come vanno le energie alternative rinnovabili.

Ed ancora, lo scoppio di guerre, la situazione politica del paese dove estrae maggiormente, eventuali scioperi sindacai delle società estrattive.

Riguardo il Forex, occorre valutare come sta andando l’economia dei Paesi che emettono una valuta, i tassi di interesse imposti dalle banche centrali, eventuali recessioni o espansioni dei mercati, la situazione del Dollaro (la valuta più presente).

Le criptovalute sono invece l’asset più imprevedibile, poiché, come ricorda Warren Buffet che è stato sempre diffidente nei loro confronti, non hanno un valore intrinseco ma esso è dato dal calcolo della domanda e dell’offerta.

Le criptovalute possono crollare di valore per esempio, di fronte ad un attacco Hacker che ha portato via una grossa quantità di una criptovaluta. O quando avviene una massiccia vendita.

Oppure, possono far registrare un rally quando viene assunta da qualche importante partner commerciale o creditizio. O quando una criptovaluta viene acquistata in massicce quantità o la sua circolazione si riduce. Ecc.

Tuttavia, spesso non si è mossa in modo automatico e magari, dopo un breve slancio o crollo, si è subito fermata.

Molto importante nell’analisi di un asset è anche il volume di trading, che ci dice come stanno andando le vendite o gli acquisti di un asset.

Il volume di trading ci fa capire se un rally rialzista o un crollo ribassista avrà vita breve, in quanto vedremo in realtà se comunque la massa di trader si sta muovendo nella direzione opposta.

Quindi, fatto questo lavoro di analisi, l’esperto invia i segnali di trading all’utente che ne ha fatto richiesta. Prevedendo un rialzo o un ribasso su cui andare long o short.

Il segnale di trading andrebbe eseguito al volo, al fine di accodarsi quanto prima al movimento dell’asset. Possono poi essere inviati due-tre segnali di trading al giorno, ma anche una decina. Dipende dalla prolificità di chi li invia e dalla nostra richiesta.

Come detto, se è la prima volta che stiamo usando dei segnali di trading, possiamo provarli su un Conto demo messo a disposizione dallo stesso Broker. Così vedremo se davvero hanno azzeccato la previsione.

Segnali di trading truffa?

I segnali di trading sono una truffa? Dipende da chi li propone. Se vengono proposti come semplici suggerimenti da inviare al trader, con un margine importante di errore, allora non sono truffe.

Se invece ci vengono proposti con un margine di errore pari quasi a zero, perché affidabili ed efficaci al 97-98 percento (non si dice quasi mai 100 in quanto si vuole dare una parvenza di veridicità al tutto), allora sono sicuramente una truffa.

Purtroppo, le truffe sono dilagate dal 2017, quando il Bitcoin ha fatto registrare una incredibile cavalcata che ha portato il suo prezzo a sfiorare i 20mila dollari. Trascinando con sé molte altre criptovalute, seppur a debita distanza.

Ciò ha portato molti ad avvicinarsi al trading online, anche spinti dalle app che sono via via apparse su smartphone e tablet. Che hanno dato al trading la pericolosa parvenza di un gioco online. Quando in realtà il denaro è reale.

Come possiamo riconoscere i segnali di trading truffa? Lo vediamo di seguito.

Come riconoscere segnali di trading truffa

In genere, le piattaforme truffa si riconoscono per alcune caratteristiche comuni a tutti.

In primo luogo, si presentano tutte come qualcosa di unico, per pochi adepti. E invitano anche a fare presto a registrarsi in quanto sono a numero chiuso.

L’ideatore viene presentato come un genio, che lavorava presso un’altra società della quale però (guarda caso) non si fa il nome e che ha deciso di mettere a disposizione del prossimo la sua invenzione.

Il suo nome però, cambia in base al paese dove la piattaforma opera. Inoltre, non sono presenti informazioni dettagliate sui suoi confronti. Né il suo profilo è presente sui Social. Qualcosa che ricorda il Mago di Oz o Kaiser Soze.

Ancora, i segnali di trading sono presentati come infallibili, capaci di leggere il futuro e di mettere in pratica in modo automatico quanto prevedono. Al trader non resta che caricare il conto (solitamente sono richiesti 250 euro) e premere un bottone. Manco stessimo utilizzando uno Juke box o una lavatrice a gettoni.

L’assistenza clienti ha solitamente un accento dell’Est Europa e dopo le prime risposte suadenti e gentili, cambiano tono. “Invitandoci” a immettere altro denaro se vogliamo recuperare i soldi che, guarda caso, non riusciamo a prelevare dal conto.

Cosa dire poi dell’aspetto più importante: l’assenza di una licenza per operare. Licenza che mette a riparo gli utenti dalle truffe.

Queste piattaforme sono solitamente gestite da società con sede nei Paradisi fiscali. Paesi chiamati tali proprio perché offrono protezione a chi lì porta i propri ingenti capitali.

Le piattaforme di segnali di trading in genere si fanno pubblicità con finte interviste ai Vip, da parte di noti colossi del Network. Come le trasmissioni di Barbara D’Urso in Italia, o la CNN e la BBC negli Usa e in Gran Bretagna. E così via nei vari paesi.

Quanto ai Vip, solitamente in Italia vengono presi a loro insaputa i volti di Flavio Briatore o Gianluca Vacchi (perché danno l’impressione di vivere nel lusso e fare la bella vita). Mentre negli Usa spesso troviamo Bill Gates, Elon Musk o Mark Zuckerberg per la loro genialità informatica.

O ancora, il trader famoso già citato Warren Buffet o il Presidente americano Donald Trump, noto Tycoon prima di approdare alla Casa bianca.

Come si può notare, attraverso questi volti si cerca di fare leva sul desiderio dell’utente medio di diventare ricco e circondato da belle donne senza troppa fatica.

Cosa fare se si è già finiti nella rete di una truffa? Oltre a presentare regolare denuncia alle autorità competenti (come la Polizia postale), si potrebbe tentare di riottenere il denaro attraverso il Charge back. Ossia lo storno delle somme versate.

Si contatterà la banca che emette la carta utilizzata e si esporrà tutto il problema. Solitamente, una banca può richiedere delle prove delle ricariche effettuate, una copia della denuncia, ecc. In formato cartaceo via Fax o tutto in formato digitale.

Non è detto che la si spunterà e in genere ci vorranno almeno 60 giorni per ottenere una risposta. Ma è una carta gratuita che occorre giocarsi.

Ricordiamo però che il Charge back non è praticabile se le ricariche sono avvenute tramite bonifico.

Segnali di trading vantaggi

Quali sono i vantaggi dei segnali di trading? Che ci troviamo dei suggerimenti confezionati da chi la sa lunga sul trading online. Facendo sì che non dobbiamo essere noi ad occuparci di analisi dei grafici, di spulciare notizie, di prevedere come vada un asset in futuro.

Solitamente, i segnali di trading sono preferiti dai trader alle prime armi o quanti hanno iniziato da non molto e preferiscono un aiuto.

Mentre i trader navigati generalmente diffidano da questi servizi e preferiscono occuparsene da soli.

Segnali di trading svantaggi

Quali sono gli svantaggi dei segnali di trading? Si tratta di suggerimenti, quindi in quanto tali, possono indurci all’errore. A prendere una posizione che magari non avremo preso, facendoci incassare una perdita.

E’ un po’ come quando, durante un compito in classe di una materia per noi ostica, ci affidiamo totalmente a copiare dal nostro vicino di banco.

Magari abbiamo la fortuna di sedere nello stesso banco del Primo della classe. Però ci stiamo affidando comunque ad una persona che può sbagliare, magari beccando la sua giornata storta.

Segnali di trading di Trading central

Esistono anche delle società specializzate in segnali di trading, come Trading Central.

Questa società esiste dal 1999 e fonda varie tipologie di analisi per produrre i suoi segnali di trading. Come:

  • analisi automatizzata basata sull’intelligenza artificiale
  • competenza di consulenti con anni di esperienza
  • analisi fondamentale
  • analisi tecnica
  • analisi delle notizie riguardanti i mercati finanziari e tutte quelle che potrebbero influenzarli
  • sentiment di mercato
  • analisi economica

Oltre ai segnali di trading, Trading central offre anche altri servizi. Come

  • grafici candlestick adattivi e ADC
  • indicatori alpha per MetaTrader
  • Newsletter
  • Buzz: selezione di dati che riguardano discussioni, menzioni social e altri tipi di dati
  • WebTv
  • Strategy builder: consente di selezionare fino a 65 fattori per fornire un portafoglio quanto più diversificato possibile
  • Analizzatore di valore, basato sull’analisi fondamentale
  • Trading online tramite Metatrader, col vantaggio che includano gli stessi segnali di trading

Trading Central conta varie sedi dislocate in più Paesi:

  • Paris
  • London
  • New York
  • Ottawa
  • Sophia Antipolis
  • Limassol
  • Bucharest
  • Shanghai
  • Hong Kong

E ad attestare l’importanza dei segnali di trading di Trading Central vi è il fatto che sia stato più volte insignito degli autorevoli The Technical Analyst Awards. Praticamente gli Oscar del settore.

Segnali di trading su FXTB

I segnali di trading di Trading central possono essere attivati su un Broker con regolare licenza come FXTB (clicca qui per il sito ufficiale).

Questa piattaforma per il trading online è nata nel luglio 2018, quindi rispetto ad altre rinomate, è attiva da tempi più recenti. Tuttavia, a colpi di servizi interessanti, si sta facendo ampiamente e velocemente strada.

FXTB è un Broker con regolare licenza CySEC, Commissione cipriota di controllo sui mercati finanziari molto rinomata che si attiene alle direttive emesse da Esma. L’organismo mediante il quale l’Unione europea controlla i mercati finanziari.

L’esma emette i cosiddetti MiFID, giunti alla seconda edizione nel gennaio 2018 dopo molti anni dalla prima versione (2002). Ritenuta tra l’altro una autentica rivoluzione, dato che per esempio ha ridotto drasticamente la Leva finanziaria per i trader retails o ha vietato i Bonus per accattivare nuovi clienti o in favore di quelli già iscritti.

FXTB prevede fino a 4 account tra i quali scegliere.

Offre un ottimo Conto demo, la popolare piattaforma Metatrader 4 (MT4), una formazione mediante Video On Demand caricati sulla piattaforma e un ottima assistenza clienti.

Per iniziare a fare trading con FXTB cliccate qui.

Segnali di trading di Trade.com

Un altro Broker che offre gli ottimi segnali di trading di Trading Central è Trade.com (clicca qui per il sito ufficiale) Broker che oltre alla licenza CySEC, prevede anche la licenza da parte della britannica FCA e di FSCA (l’agenzia di controllo del Sudafrica).

Trade.com è un Broker spread-only, proprio come FXTB. Così come i prossimi che vedremo. Ciò significa che sul trading viene imposto solo lo spread anziché pure commissioni. Che restano comunque vantaggiose.

Ma, unico nel suo genere, anche dei wallet specifici che contengono asset in base alla loro categoria di appartenenza.

Ottima anche l’offerta formativa, dato che prevede tre categorie di argomenti suddivisi in 21 video. Un eBook che offre un manuale completo sui vari aspetti del trading online. Ed un vantaggioso coach personalizzato.

Per iniziare ad investire col broker Trade.com cliccate qui.

Alternativa ai segnali di trading: il copy trading di eToro

Il Broker eToro (clicca qui per saperne di più) è un altro Broker con regolare licenza CySEC, ma anche FCA e dell’australiana ASIC.

Il Broker eToro offre un servizio unico nel suo genere come il copy trading, che sulla piattaforma prende il nome di Copy trading.

Tramite questo servizio, è possibile copiare cosa fanno i trader più rinomati, chiamati Popular Trade. E per sceglierli, è possibile visionare le loro statistiche, una breve biografia, lo storico dei loro trades.

Non si tratta solo di una mera copia, dato che il trading può essere anche personalizzato. Interrompendolo quando ci va di farlo o stabilendo Take profit e Stop loss.

Il calcolo del profitto avviene in modo ovviamente diversificato, e il trader copiato ha a sua volta una commissione.

Il vantaggio del copy trading è quello di far guadagnare quando si è ancora un trader neofita del settore. Ma contemporaneamente imparando.

Per iniziare a fare trading con la piattaforma di eToro cliccate qui.

Segnali di trading: l’alternativa Plus500

Plus500 (clicca qui per il sito ufficiale) è Broker nato nel 2008 e gestito dalla società Plus500CY ltd. Quotata in Borsa e ciò fa sì che sia sottoposta al controllo della FCA oltre che della CySEC.

Vale anche la pena ricordare che Plus500 è sponsor dell’Atletico Madrid dal 2015. E ciò lo rende ulteriormente un Broker rinomato ed affidabile.

La piattaforma di Plus500 è Plus500 Webtrader, oggetto di un recente profondo restyling, che lo ha reso estremamente user-friendly e intuibile.

Plus500 prevede anche app per iOS e Android, una versione desktop, con oltre 32 lingue tra cui scegliere ed una assistenza clienti via email e Live chat.

Rispetto alle prime due, come eToro prevede un solo account. Ottimo anche il Conto demo per esercitarsi.

Per iniziare a fare trading con un conto demo gratuito di Plus500 cliccate qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Consigliati

DA LEGGERE

Libri sul trading

0
Quali sono i migliori libri di trading? Dove trovare i migliori libri sul trading? Molti sono incuriositi dal trading online e vogliono saperne di più....