HomeAzioniComprare azioni Intesa Sanpaolo: come investire, quotazione ISP e previsioni

Comprare azioni Intesa Sanpaolo: come investire, quotazione ISP e previsioni [2021]

Intesa Sanpaolo è uno dei principali player del sistema creditizio italiano, nato dalla fusione di due banche: la milanese Intesa e la torinese Sanpaolo. A loro volta già holding di controllate e, successivamente alla fusione, il gruppo ha acquisito altre banche.

Avrai quindi intuito che siamo di fronte ad un gruppo importante, che essendo quotato in borsa, si presenta anche un’ottima occasione di investimento.

In questa guida completa ti presenteremo le azioni Intesa Sanpaolo, come investire e quali sono i migliori broker per investire nelle azioni Intesa Sanpaolo.

Molti investitori stanno utilizzando le piattaforme di trading certificate per fare trading sulle azioni. Un esempio su tutti può essere il broker eToro. E' una piattaforma molto utilizzata che offre servizi molto interessanti, come il copy trading che permette di copiare le operazioni dei trader più esperti.

Per iniziare a fare trading di azioni con eToro cliccate qui.

66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Intesa Sanpaolo: storia Banca

Il gruppo è nato il 1° gennaio 2007 dalla fusione, come detto, di due importanti realtà bancarie del Nord Italia: Banca Intesa e Sanpaolo IMI.

Il processo di fusione è partito l’anno prima, quando il 26 agosto 2006 il Cda rispettivo delle due banche dà il via libera le linee guida del progetto di fusione. Ratificato il 12 ottobre 2006 e infine convalidato dalle rispettive Assemblee Straordinarie il 1° dicembre dello stesso anno.

Guardando brevemente alla storia dei due gruppi bancari, Banca Intesa a sua volta è nata nel 1998 dall’integrazione di Cariplo e Banco Ambrosiano Veneto.

L’anno seguente, la Banca Commerciale Italiana entra a far parte del Gruppo Intesa. Con la successiva fusione di Comit in Banca Intesa (maggio 2001) il Gruppo si chiama IntesaBci.

Nel dicembre 2002 l’Assemblea delibera, con effetto 1° gennaio 2003, la modifica della denominazione sociale in Banca Intesa. Ultima prima della succitata fusione.

A sua volta, Sanpaolo IMI nasce nel 1998 dalla fusione dell’Istituto Bancario San Paolo di Torino e IMI (Istituto Mobiliare Italiano). Rispettivamente specializzato nell’attività creditizia retail ed ente di diritto pubblico fondato nel 1931 per sostenere la ricostruzione del sistema industriale nazionale.

Un terzo attore molto importante da prendere in considerazione è UBI Banca. Nata il 1° aprile 2007 dalla fusione tra il Gruppo BPU Banca e il Gruppo Banca Lombarda e Piemontese, a loro volta frutto di aggregazioni.

Intesa Sanpaolo ne ha acquisito il controllo il 5 agosto 2020 incorporandola il 12 aprile 2021.

👍 Dati societariIntesa Sanpaolo è uno dei principali player del sistema creditizio italiano, nato dalla fusione di due banche: la milanese Intesa e la torinese Sanpaolo.
🏦 SettoreBanking
🏢 SedeTorino
💻 QuotazioneBorsa di Milano sul FTSE Mib.
👍 TickerISP
🥇Migliore piattaforma con conto demoeToro
🥇Miglior broker per azioniCapital.com

Piattaforme per investire in azioni Intesa

Prima di proseguire vi segnaliamo quelli che sono attualmente le migliori piattaforme per investire in azioni:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Copy trading su azioni
66% dei trader perde soldi
Commissioni basseISCRIVITI
Conto demo illimitatoIntelligenza artificiale ISCRIVITI
Social trading e AutochartistCFD su vari assetISCRIVITI
Servizio CFD su azioni e indici
72% dei trader perde soldi
Conto demo gratisISCRIVITI
CFD e commissioni convenientiPiattaforma regolataISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

si tratta di piattaforme regolate e registrate in Consob.

Intesa Sanpaolo: dati societari

Ecco i dati societari principali di Intesa Sanpaolo:

  • SEDE LEGALE: piazza San Carlo, 156 – 10121 Torino
  • SEDE SECONDARIA: via Monte di Pietà, 8 – 20121 Milano
  • CAPITALE SOCIALE: EUR 10.084.445.147,92
  • CODICE FISCALE: 00799960158
  • ISCRITTA AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TORINO: 00799960158
  • PARTITA IVA: 11991500015 (IT11991500015)
  • CODICE ABI: 3069. 2
  • ISCRITTA ALL’ALBO DELLE BANCHE: 5361
  • TELEFONO: + 39 011 5551
  • PEC: info@pec.intesasanpaolo.com
  • N. Iscr.Registro degli Intermediari Assicurativi e Riassicurativi – Sez. D. 000027210, data di iscrizione 01.02.2007, intermediario soggetto alla vigilanza dell’IVASS
  • Capogruppo del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo, iscritta all’Albo dei Gruppi Bancari
  • Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia.

Comprare azioni Intesa Sanpaolo con i CFD

I Contract for difference sono contratti derivati che replicano il valore di un asset sottostante. Dunque, non acquisterai direttamente un asset ma un contratto che ne replica il valore.

Il trading CFD permette di investire sulle azioni Intesa Sanpaolo sia al rialzo che al ribasso, quindi potrai speculare su di esse sia quando vedono aumentare il loro valore, sia quando lo vedrai scendere.

Il trading CFD ti permette anche di moltiplicare i tuoi profitti tramite la leva finanziaria, ma dovrai usarla con parsimonia perché in caso di previsione errata, finirai per moltiplicare la tua perdita.

Comprare azioni Intesa Sanpaolo con eToro

Se vuoi investire nelle azioni Intesa Sanpaolo con eToro, queste sono alcune delle caratteristiche principali:

  • Licenze: CySEC, FCA e ASIC
  • Commissioni e spread: contenuti
  • Deposito minimo: 50 euro
  • Servizi: copy trading, social trading, eToroX e Copyportfolios
  • Conto demo: 100mila euro virtuali
Iscriviti ora su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Comprare azioni Intesa Sanpaolo con Capital.com

Il broker Capital.com è un’altra valida alternativa se vuoi investire sulle azioni Banca Intesa Sanpaolo.

  • Licenze: CySEC e FCA
  • Commissioni e spread: broker spread-only
  • Deposito minimo: 20 euro
  • Servizi: app Investmate, +70 indicatori ed oscillatori di trading, MT4, intelligenza artificiale integrata
  • Conto demo: 1000 euro virtuali
Iscriviti ora su Capital.com cliccando qui.
71.2% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Fare trading CFD con Plus500

Il broker Plus500, infine, offre le seguenti condizioni di trading sulle azioni Intesa Sanpaolo:

  • Licenze: CySEC e FCA
  • Commissioni e spread: molto contenuti
  • Deposito minimo: 100 euro
  • Servizi: assistenza clienti in Live chat, +2.500 asset su cui investire, alert mail
  • Conto demo: 40mila euro virtuali, che si ricarica quando scende sotto soglia 200 euro
Iscriviti ora su Plus500 cliccando qui.
72% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Grafico Intesa Sanpaolo

Ecco il grafico sull’andamento delle azioni Intesa Sanpaolo

Competitors di Intesa Sanpaolo

UniCredit Group

Il gruppo bancario Unicredit è uno dei leader del mercato bancario italiano ma è anche una delle tre maggiori capitalizzazioni di Borsa dell’area euro dal 2005. Il gruppo possiede e gestisce 8.954 agenzie e conta 148.000 dipendenti.

Entro il 2021 potrebbe concludere la sua acquisizione del gruppo Mps.

Banca Monte dei Paschi di Siena

Una delle banche più longeve del Mondo, è nata a Siena nel 1472. Negli ultimi anni è stata sull’orlo del fallimento ed oggetto di inchieste giudiziarie, ma il commissariamento l’ha resa di nuovo una banca con i conti in ordine e pronta a rilanciarsi sul mercato.

Potrebbe finire nel gruppo Unicredit.

Banco BPM

Il gruppo Banco BPM è un gruppo bancario di origine cooperativa nato nel gennaio 2017 dalla fusione di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano. La sua sede è oggi sia a Milano che a Verona.

Mediobanca

Banca d’affari specializzata in consulenza finanziaria e in gestione di attivi. Il gruppo è quotato alla Borsa di Milano ma è presente anche a Parigi, Londra e New York.

Ing Italia

ING Italia è parte di ING Group (www.ing.com), gruppo bancario di origine olandese che offre servizi e prodotti bancari in più di 40 Paesi tra Europa, America del Nord, America Latina e Asia.

ING è presente in Italia con le attività di Retail Banking e di Wholesale Banking e impiega più di 1000 dipendenti.

Fineco

FinecoBank S.p.A è una banca diretta multicanale indipendente che offre servizi bancari, creditizi, di trading e di investimento da un unico conto. È leader di brokeraggio in Europa con una delle più grandi reti di promotori finanziari e una rete capillare di Fineco Center in tutta Italia.

Nata nel 1999, dal 2017 opera anche in Gran Bretagna. Viaggia verso 1,5 milioni di clienti.

Crédit Agricole Italia SPA

Crédit Agricole Italia S.p.A. è un istituto di credito italiano che intraprese l’attività nel 1860 a Parma, dove tuttora ha la sede legale.

Ne fanno parte le controllate Crédit Agricole FriulAdria, in Veneto e in Friuli-Venezia Giulia e il Creval. A queste, si aggiungono anche Crédit Agricole Leasing, Crédit Agricole Group Solutions e Crédit Agricole Italia OBG.

Si tratta del settimo gruppo bancario italiano, presente in undici regioni con più di 10.000 dipendenti e oltre 2 milioni di clienti.

Credem

Il gruppo Credito Emiliano – Credem è presente in 19 regioni e ha una società internazionale, la Credem International (Lux) S.A. (Lussemburgo).

Si espanda dagli anni ‘90 acquisendo piccole realtà creditizie territoriali. Ad oggi il gruppo conta 16 banche controllate.

Negli ultimi anni si è concentrato soprattutto sull’attività di banca commerciale domestica, ma resta presente nei settori: Wealth Management e Bancassurance, Leasing, Private equity, Finanza di impresa e Servizi telematici.

Deutsche Bank

Colosso tedesco che vede proprio nell’Italia il principale mercato subito dopo quello tedesco. È uno dei principali gruppi bancari mondiali, con sedi in Europa, America, Asia e Pacifico.

Dal maggio 2017 il maggiore azionista è un conglomerato cinese, HNA Group, con una partecipazione del 10% del capitale, ridotta all’inizio del 2018 al 7,9%.

Dividendi azioni Intesa Sanpaolo

Il CDA di Intesa Sanpaolo ha deciso di distribuire parte della Riserva straordinaria e un acconto dividendi sui risultati 2021.

Oltre ai 694 milioni di dividendi cash per il 2020 distribuiti a maggio 2021, l’istituto bancario prevede una distribuzione cash da riserve pari a 1,9 miliardi di euro. Sommandoli ai dividendi già precedentemente distribuiti, si arriva ad un payout ratio del 75%, pari a 3,505 miliardi di euro di utile netto rettificato.

Sempre per il 2021, Intesa Sanpaolo prevede il pagamento di un ammontare di dividendi cash corrispondente a un payout ratio pari al 70% dell’utile netto, da distribuire in parte come acconto nell’anno in corso.

Questa la calendarizzazione del distacco dei dividendi:

  • 18/10/2021 – Data di stacco cedola distribuzione della Riserva straordinaria
  • 19/10/2021 – Record date relativo alla distribuzione della Riserva straordinaria
  • 20/10/2021 – Data per il pagamento dividendo relativo alla distribuzione della Riserva straordinaria
  • 03/11/2021
  • CdA con all’ordine del giorno:
  • approvazione del resoconto intermedio al 30 settembre 2021
  • deliberazione in merito alla distribuzione acconto dividendo 2021
  • 22/11/2021 – Data di stacco cedola acconto dividendo deliberato dal CdA
  • 23/11/2021 – Record date acconto dividendo deliberato dal Consiglio di Amministrazione
  • 24/11/2021 – Data pagamento acconto dividendo 2021 deliberato da CdA

Per metà ottobre 2021 il Cda dovrà valutare la distribuzione cash dalla Riserva straordinaria, che a fine 2020 era pari a 1,9 miliardi euro, 0,0996 euro ad azione.

Se approvata, la distribuzione avverrà il 20 ottobre 2021 (con stacco cedole il 18 ottobre e record date il 19 ottobre).

L’acconto dividendi verrà pagato alla prima data utile successiva alla deliberazione del Cda, ossia il 24 novembre 2021.

Qualora i prezzi delle azioni Intesa Sanpaolo dovessero rimanere stabili, allora lo stacco della cedola di 0,0996 euro ad azione prevista per il 18 ottobre 2021 avrebbe un dividend yield del 4,27%. Potendo pure contare sull’acconto cash da 1,4 miliardi aumenta al 7,31%.

Conviene comprare azioni Intesa Sanpaolo?

Banca Intesa Sanpaolo ha in programma una espansione internazionale, che potrebbe coinvolgere anche e soprattutto il ingresso sul mercato di Abou Dhabi. Che diventerebbe così una porta di ingresso per il Medio Oriente.

Attenzione viene riposta anche verso la Turchia, paese per il quale Intesa Sanpaolo sta già svolgendo le pratiche necessarie per ottenere la licenza.

Altro punto a favore della banca è il fatto che l’industria della gestione degli attivi in Europa conosce attualmente delle prospettive positive. Uno dei suoi settori più importanti.

Tra gli elementi da valutare, però, anche il fatto che essendo Intesa Sanpaolo uno dei principali players del sistema bancario italiano, potrebbe essere tra i primi a subire le maggiori conseguenze negative di una contrazione dell’economia nostrana.

Di qui, la necessità di diversificare il proprio raggio di azione verso altri mercati in crescita, quali appunto quelli mediorientali.

Infine, occorre tenere presente la minaccia che arriva da gruppi europei presenti nel nostro paese o pronti a subentrare. Una nuova concorrenza che potrebbe alzare ulteriormente l’asticella dei parametri da soddisfare.

Comprare azioni Intesa Sanpaolo: domande più frequenti

Dove comprare azioni Intesa Sanpaolo?

L’ideale sarebbe farlo con il trading CFD, che ti permette di poter investire sul prezzo del titolo sia al rialzo che al ribasso. Devi però scegliere un broker affidabile e con costi contenuti, come eToro e Capital.com.

Conviene comprare azioni Intesa Sanpaolo?

Le azioni Intesa Sanpaolo compiono variazioni di pochi centesimi di euro da febbraio 2021, oscillando intorno ai 2.40 euro di prezzo. Dunque, può risultare appetibile per chi cerca un titolo stabile da controbilanciare ad asset più volatili.

Quali sono i principali competitors di Intesa Sanpaolo?

I principali players da tenere sott’occhio rispetto alla banca torinese-meneghina sono: Unicredit, Mps, Mediobanca, Ing Direct, Fineco, Crédit Agricole, Credem, Deutsche Bank.

Comprare Azioni Intesa Sanpaolo

Conclusioni

Il gruppo Intesa SanPaolo è tra i principali players del sistema creditizio italiano, frutto della fusione tra due gruppi già importanti.

La banca sta cercando di aprire i propri orizzonti verso il Medioriente. La banca deve comunque affrontare una importante concorrenza interna e guardarsi dalla “minaccia” straniera.

Le azioni Intesa Sanpaolo si muovono in un range ristretto ai 2 euro ormai da tempo e potrebbero risultare interessanti per chi cerca titoli stabili da contrapporre a titoli volatili nel proprio portafoglio.

Puoi provare il trading CFD sulle azioni Intesa Sanpaolo su broker che offrono il conto demo.

Chi vuole investire nel trading online deve necessariamente partire dalla pratica e da un buon conto demo. Vi lasciamo pertanto con con i collegamenti ufficiali alle migliori piattaforme con conto demo:

si tratta di broker regolamentat che offrono conto demo illimitato e gratuito per sempre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Consigliati

DA LEGGERE

Trading online: guida per iniziare da zero

0
Cos’è il Trading online? In questo articolo forniremo una guida completa sul trading online. Attività alla quale si stanno avvicinando molte persone, un tempo...